29 giugno 2013

Cittadina senza patria

Sono stata una persona felice e lavoratrice. Ho sempre lavorato fin da quando avevo 18 anni, abbandonando l'università tanta e tale era la smania di rendermi indipendente e dare aiuto alla famiglia.
La mia vita è stata serena come puo' esserlo la vita inserita in una famiglia numerosa. Nata a Palermo e li residente fino ai 25 anni per motivi familiari mi trasferii con mio padre e mia madre a Villabate un allora piccolo comune in provincia di Palermo. Perdetti mia madre all'improvviso nel 1994 nell'arco di una settimana, per cause mai accertate e da allora comincio' il mio travaglio. Rimasi con mio padre e ci aiutammo a vicenda a resistere all'enorme immenso dolore. Come Dio volle la vita continuo' tra alti e bassi, io con il mio lavoro e la mia vita e mio padre con il suo lavoro ed il perenne struggente ricordo di mia madre.
Nel 2005 mio padre s'ammalo di una patologia invalidante chiamata "broncopatia cronica ostruttiva" lasciai il lavoro e cominciai a lottare per la sopravvivenza di entrambi e per i suoi diritti. Gli fu imposto l'uso dell'ossigeno permanente

7 giugno 2013

Pasta Ca'nciova e muddica atturrata

In Sicilia, nonostante le tante dominazioni o grazie ad esse e nonostante la pessima amministrazione, c'è una cosa che i politici e l'europa non ci toglieranno. Il modo di cucinare.
La cucina siciliana famosa e imitata in tutto il mondo, contiene in se il colore ed il calore di questa meravigliosa isola. L'aspro delle montagne, il dolce delle pianure e delle campagne, il colore del sole al tramonto, ed il profumo della terra e del mare. Ed è povera, realizzabile con ingredienti di poco prezzo e reperibili dappertutto.
Un piatto tipico siciliano che viene preparato in tante varianti a seconda della provincia è La Pasta Can'ciova e muddica atturrata.(Acciuga e pangrattato brustolito)
Dovete sapere che