7 settembre 2012

La patente

Chissà forse ho sempre avuto in me la percezione riguardante La Legge d'Attrazione perchè riuscivo a visualizzare e addirittura sognavo cio' che desideravo e questo accadeva...
Sono sempre stata una persona indipendente, maledettamente timida ma indipendente. Chissà forse mi sentivo in competizione con il desiderio del papa' che mi voleva figlio maschio come primo figlio o forse c'erano in me i germi di una ribellione che è durata parecchi anni.
Non m'iscrissi a scuola guida come facevano tutti e  per non pesare e non chiedere finanziamenti ai genitori preparai la mia bella documentazione e mi presentai da esterna agli esami di Teoria. Esami che superai brillantemente, Un bel successo per una ragazzina che non capiva a cosa servissero le marce.
I problemi sopraggiunsero con la guida. In sogno avevo guidato innumerevoli volte ed avevo macinato chilometri, con l'immaginazione e la teoria ero meglio di Schumaker
ma in pratica non sapevo da dove cominciare...
E cavolo bisognava ricordarsi di mettere la freccia quando si svoltava e bisognava ricordarsi di guardare dallo specchietto retrovisore e quella maledetta macchina aveva il vizio di spegnersi nel bel mezzo degli incroci per l'uso improprio della frizione e dell'accelleratore. Mio padre impietosito mi propose qualche lezione di guida ma alla prima già ci rinunciavo. Avete mai fatto lezioni di guida con vostro padre? Ecco immaginate un po'....attenta...gira...cambia marcia...frena....frena....frenaaaaaaaaaaaa......scesi dall'auto stremata e giurai che mai  piu' avrei guidato con mio padre. Utilizzai tutti i miei risparmi e prenotai 20 lezioni di guida in una autoscuola e superai brillantemente il mio esame. Una gioia immensa, camminavo un palmo da terra come Gesu' sulle acque e da quel momento in poi la guida divento' la mia seconda natura. Mi veniva e mi viene facile come respirare. Ma non superai mai l'angoscia di guidare accanto a mio padre, mi prendeva il panico, mi sentivo giudicata e
non all'altezza. Poi un giorno avendo necessità di recarmi a Verona  con i miei, mio padre mi affido il volante a Verona e si addormento' accanto a me mentre guidavo....guidai da Verona a Palermo e moralmente fu allora che presi la patente, promossa da mio padre.
Sono piu' di 30 anni che guido ed ho macinato chilometri su chilometri e ho guidato auto e furgoni di qualunque cilindrata e fra qualche giorno dovro' rinnovare la patente anche se non ho piu' un auto... ma  l'automobile è il mezzo che preferisco per viaggiare perchè  lascia liberi di andare, fermarsi, proseguire...e puoi portare dietro tutto cio' che ti serve, ma oggi non è piu' possibile. Ci hanno tolto anche questa libertà nell'ambito della Dittatura che stiamo vivendo. La benzina a 2 euro è un crimine, considerando che in questi due euro il costo reale ammonta a meno di 1 euro e tutto il resto sono vecchie tasse chiamate Accise che i cittadini pagano per situazioni, guerre e terremoti che non ci riguardano piu' perchè vecchi di 50 anni...
Viva L'Italia.


Nessun commento:

Posta un commento