22 maggio 2012

Strani Amori

In cammino come un viandante o un pellegrino verso l'Amore.  Amore che avevo perso con mia madre,
che pensavo di NON avere con mio padre e che cercavo in giro. Ma avevo le idee chiare. Non mi interessavano le storie di sesso e rifuggivo le storie clandestine. Avevo bisogno di AMORE TOTALE.
Profondo e disinteressato e lo cercavo fuori da me. Un amore che mi ponesse al centro del suo
mondo e dei suoi interessi. Ma non mi amavo abbastanza, mi sentivo in colpa,
non mi reputavo degna
di amore anche se lo volevo con tutte le mie forze. Mia madre era morta per colpa mia. Dio aveva punito
ME non esaudendo la mia richiesta. Non avevo capito.

Abbandonai il percorso spirituale che avevo intrapreso e scoprii il computer.
Mi iscrissi a tutti i siti d'incontri esistenti. Parlavo con tutti e stavo intere notti a chattare. Stavo rischiando ma fui fortunata. Conobbi tanta gente. Gente meravigliosa che comincio' a volermi bene. Capivo al volo chi aveva intenzioni non propriamente limpide e tagliavo corto. Mi rispettavano ed apprezzavano. E tanti amici che si sono persi per strada mi sono rimasti nel cuore. Mi dividevo tra lavoro, casa, notti in chat, serate con gli amici.
Ci furono amori piu' o meno lunghi. E vivevo. Vivevo in superficie. Non ascoltavo piu' la mia anima che gridava.
Gridava perchè quello che facevo non era per me. Dovevo fermarmi. E poichè non ascoltavo QUALCUNO
decise per me. MIO PADRE si ammalo' nel 2005. E scoprii che lo amavo da morire. E cominciai a temere per lui. Se avessi perso anche lui sarei morta anche io. E fermai dedicandomi a lui totalmente. Lasciai il lavoro e divenni la sua badante, perchè nel frattempo la sua malattia si era aggravata. Una malattia polmonare invalidante e progressiva.

Ma di questo ho scritto a profusione in questo Blog. Ho scritto delle disavventure e delle difficoltà. Delle ingiustizie perpretate dalle istituzioni a suo danno e di quello che abbiamo vissuto. Mio papa' è deceduto l'anno scorso e sono rimorta anche io. Si perchè si puo' morire tante volte senza morte fisica. Il mio cuore si è rispezzato per la seconda volta. Ho definitivamente perso le mie origini e sono rimasta completamente sola. Ed il dolore morde, brucia da morire.
Di nuovo il senso di colpa. Pensai... ma allora Dio c'è l'ha proprio con me. Devo avere fatto qualcosa di terribile
nella mia vita o in quelle precedenti. Inquieta e senza pace ho trascorso un anno. Senza voglia di fare nulla. Apatica e spenta ma obbligata a lavorare per vivere. Finchè......due mesi fa sono stata licenziata....

e finalmente ho capito......

ma di questo ne parlero' in seguito.....


Mi spiace, Ti Prego Perdonami, Grazie, Ti Amo
(mantra tratto da http://www.ho-oponopono.info)

Nessun commento:

Posta un commento