26 maggio 2012

Perchè?

Sto assistendo in questo istante all'edizione delle 13,30 del Tg1 e come al solito si lamenta la situazione delle persone rimaste senza casa a causa del terremoto che ancora in essere, sta minando la stabilità psica e fisica di tutti gli abitanti in Emilia Romagna.
Ricordo quello che successe per il terremoto in Abruzzo. Ricordo l'enorme tam tam che si fece sulla rete. Ricordo la solidarietà e l'intervento immediato delle Istituzioni. E credo che lo stesso non si stia facendo per l'Emilia Romagna. Come al solito in Italia due pesi e due misure. E dire che l'Abruzzo in quanto zona sismica è abituato ai sommovimenti del terreno mentre lo stesso non si puo' dire dell'Emilia, dove non si verificava un evento simile da tanti anni.
Quale è la differenza tra le due regioni?
Un diverso panorama politico? Un diverso Premier? Un diverso responsabile della protezione civile? L'impatto del terremoto in Emilia Romagna  sull'opinione pubblica è stato di gran lunga inferiore rispetto a quello avvenuto in Abruzzo. Non se ne è parlato abbastanza. Chissà forse se al Governo ci fosse stato ancora Berlusconi si sarebbe data piu' visibilità all'accaduto, come successe per l'Abruzzo, usandolo come elemento di denigrazione politica.
Oggi invece per l'Emilia non è necessaria nessuna propaganda politica contro, visto che il Premier non è piu' Berlusconi.


Tremo e temo cosa succederebbe alla Sicilia se dovessimo vivere qualcosa di simile. Già dimenticati una volta
( Gibellina e la Valle del Belice  ancora a pezzi ) chi verrebbe in nostro aiuto visto che lo Stato al momento è
impegnato ad arginare il crollo del capitalismo, dell'economia e dell'occidente?
Cosa aveva l'Abruzzo piu' di altre regioni? La raccomandazione di Bruno Vespa?


Prima di fare inchieste sterili e senza frutto aiutiamo gli abitanti e poi stabiliamo ferree regole per le costruzioni, visto che l'Italia tutta è posta su una bomba ad orologeria che puo' esplodere da un momento all'altro, senza lasciare spazio a bustarelle, favori, voti politici, favoritismi. In parole povere Ripuliamo.

Mettiamo da parte la Politica e pensiamo alla Vita cercando di viverla nel miglior modo possibile.

Nessun commento:

Posta un commento