30 maggio 2012

Vulcano Marsili. Una Bomba ad orologeria nel Mar Tirreno.

Prendendo spunto dal terremoto in Emilia Romagna e leggendo qui e la sul web, mi sono resa conto che la situazione potrebbe essere piu' grave di quello che i media dicono.
Si parla solo ed esclusivamente degli aiuti alle persone che hanno perso la casa ma non si parla assolutamente della reale situazione in Italia e di quello che potrebbe succedere in qualsiasi momento. La nostra nazione ha una bomba ad orologeria situata nel Mar Tirreno, bomba ad orologeria che puo' esplodere da un momento all'altro visto che dagli studi che si stanno effettuando,  le sue pareti si stanno assottigliando: Il Vulcano Marsili.


26 maggio 2012

Perchè?

Sto assistendo in questo istante all'edizione delle 13,30 del Tg1 e come al solito si lamenta la situazione delle persone rimaste senza casa a causa del terremoto che ancora in essere, sta minando la stabilità psica e fisica di tutti gli abitanti in Emilia Romagna.
Ricordo quello che successe per il terremoto in Abruzzo. Ricordo l'enorme tam tam che si fece sulla rete. Ricordo la solidarietà e l'intervento immediato delle Istituzioni. E credo che lo stesso non si stia facendo per l'Emilia Romagna. Come al solito in Italia due pesi e due misure. E dire che l'Abruzzo in quanto zona sismica è abituato ai sommovimenti del terreno mentre lo stesso non si puo' dire dell'Emilia, dove non si verificava un evento simile da tanti anni.
Quale è la differenza tra le due regioni?

23 maggio 2012

Non contro la Guerra ma a favore della Pace...

Questo affermava Madre Teresa di Calcutta dicendo: Non invitatemi mai ad una manifestazione contro la guerra ma se ne organizzate una a favore della Pace Invitatemi. Questo è anche un principio della Legge di Attrazione
per cui non bisogna focalizzarsi e chiedere cio' che non si vuole ma desiderare fortemente e chiedere cio' che si vuole.
Si parla tanto di Energia, energia creatrice e da cui sono state create tutte le cose. Dio Padre,

22 maggio 2012

Strani Amori

In cammino come un viandante o un pellegrino verso l'Amore.  Amore che avevo perso con mia madre,
che pensavo di NON avere con mio padre e che cercavo in giro. Ma avevo le idee chiare. Non mi interessavano le storie di sesso e rifuggivo le storie clandestine. Avevo bisogno di AMORE TOTALE.
Profondo e disinteressato e lo cercavo fuori da me. Un amore che mi ponesse al centro del suo
mondo e dei suoi interessi. Ma non mi amavo abbastanza, mi sentivo in colpa,

18 maggio 2012

In viaggio...

Il mio viaggio comincio' nel 1994. Un evento imprevedibile e irrimediabile sconvolse la mia vita facendomi perdere certezze e la beata incoscienza di chi si sente "in una botte di ferro"...

17 maggio 2012

Senza falso pudore...il cuore vince sul cervello...

Ho sempre, forse ingenuamente, considerato il web come una grande Comunity, quasi una famiglia dove ognuno esprimendo anche a volte le proprie idee discordanti con i piu', si stringesse pero' attorno per solidarietà con chi di volta in volta lanciava richiami d'aiuto.
Ho letto post di tutti i generi e richieste di tutti i generi. Ma mi sono resa conto con dolore che se sei un gattino o un cagnolino abbandonato o che non puo' mangiare ricevi amore e solidarietà mentre se sei un umano la gente diffida.
C'è indubbiamente  qualcosa di patologico in tutto cio'.  Perchè un essere umano puo' essere pui' vulnerabile di un cucciolo abbandonato. E non si possono amare gli animali se nn si amano gli esseri umani e se ogni persona si preoccupasse

9 maggio 2012

L'ultima volta...

Questa sarà l'ultima volta che scrivero' di Italia e degli imbroglioni che la governano. Voglio parlare di altri argomenti e francamente comincio a fregarmene. Non posso fare l'unica voce nel deserto a costo di essere definita qualunquista. Faro' i miei interessi in qualunque modo anche illecito se ne avro' l'occasione visto che lo Stato di cui sono cittadina se ne frega di me e di tanti come me. 
L'ultima azione è stata quella di avere scritto nel famoso format del sito del governo dove si chiedeva ai cittadini di denunciare gli sprechi e qui di seguito