3 aprile 2012

Allo Sbando sull'orlo del baratro....

...arriverà molto presto la spintarella che ci farà precipitare definitivamente giu'...

La situazione sta diventando insostenibile e tra notizie di spread su e giu' e pensioni che spariscono e posti di lavoro che saltano sta diventando sempre piu' difficile andare avanti.

Non volevamo piu' Berlusconi ed è stato fatto di tutto e di piu' per mandarlo via senza considerare che tutto questo che sta succedendo avrebbe anche potuto farlo Lui, Io o Ciascuno di chi legge.
Non ci voleva mica un Tecnico per togliere il pane agli affamati.

E' facile sistemare le cose togliendo di qua e di la, difficile è sistemare cinquantanni  di ladronerie e imbrogli
in una Italia dove la classe politica ha sempre rubato, senza penalizzare il cittadino.

Cosa dobbiamo fare? La nostra voce è inutile. Non siamo piu' il popolo sovrano che decide le sorti della
sua repubblica. Siamo un popolo di pecore dove ognuno attende il suo turno per il macello.
Non siamo piu' in DEMOCRAZIA. Questa è dittatura. Viene tolto a chi non ha e chi ha continua a fare la bella vita.

Sono una cinquantenne ed ho perso per le intemperanze caratteriali di un datore di lavoro che non sa cosa significa essere imprenditore, un lavoro mal pagato che mi consentiva appena di che spostarmi per raggiungerlo ed ho scoperto che non potro' neanche partecipare alla disoccupazione perchè i termini scadono il 31 marzo di ogni anno. Quindi dovro' aspettare per presentare domanda di disoccupazione gennaio 2013.

Il sussidio di disoccupazione NON dovrebbe servire al lavoratore licenziato per sopravvivere nella ricerca di un nuovo lavoro e finchè non lo trova? Che senso ha non percepirlo perchè ci sono i TERMINI DI PRESENTAZIONE?  Ma siamo impazziti? In che schifo di posto siamo finiti?

Dobbiamo continuare a farci martoriare? Dove sono gli uomini? E' possibile che l'Italia sia una nazione di ominicchi? Sono cominciati i casi di suicidio....ma siamo scemi? Smontiamo le POLTRONE. Uniamoci ognuno non pensi solo a se stesso. Non isoliamoci. Uniamoci. Siamo un Popolo e  L'Italia è del Popolo. Non è di Monti nè di Napolitano. L'ITALIA E' NOSTRA. Siamo noi i padroni della nostra Repubblica.

Nessun commento:

Posta un commento