1 aprile 2010

Una serpe di nome Ana Adina

Una serpe che ho tenuto in casa per un mese. Un mese di libertà e con la casa a disposizione.
Assunta in prova per accudire mio padre e pagandole con immenso sacrificio uno stipendio diviso con i fratelli. Una quota anche per me che avevo trovato finalmente un lavoretto part time dopo tre anni di rinunce.
Una ragazza di 25 anni, rumena, con il viso d'angelo. Un marito (almeno secondo i suoi racconti)
ed una bambina in Romania. Brava, buona, gentile, attiva e disponibile.
Troppo buona, troppo attiva, troppo intelligente, troppo disponibile.
Ha frugato nei miei cassetti. Ha rivoltato la mia camera come un calzino. Ha guardato dappertutto e stamattina alle 9,30 approfittando che mio padre era in bagno è fuggita lasciando la porta d'ingresso accostata e mettendo a rischio l'incolumità di mio padre ottantenne ed invalido.
Fuggita come una ladra dopo aver rubato e portato via oltre allo stipendio datole puntualmente,
una macchina fotografica digitale, un cellulare LG, una collana di pietre dure, una trousse di trucchi e 80 euro trafugati dal cassetto di mio padre. Questa è la prima stima di un veloce inventario.
Ho chiamato i carabinieri e sporto denuncia.
Spero che venga punita come merita dagli uomini e da Dio. Al di la del valore materiale di cio' che ha portato via c'è l'aver rubato la fiducia di chi l'aveva accolta in casa. Mio padre ha subito un grave dispiacere nel sentirsi imbrogliato e spero che cio' non influisca sul suo stato perchè grande stronza che non sei altro ti giuro se mi leggerai tu o qualcuno dei delinquenti che frequenti, ti giuro che se questo tuo gesto dovesse avere conseguenze sulla sua salute e a mio padre dovesse succedere qualcosa, TI GIURO che ti rintraccerei in capo al mondo e come è vero Dio, quel Dio in cui tu credi e che falsamente pregavi, te la farei pagare dovessi impiegarci tutta la vita.
Questa è stata la mia giornata del Giovedi' Santo. Logicamente  il lavoro che avevo trovato sono costretta a lasciarlo, grazie alla disonestà di Ana Adina.
Attenti agli stranieri, specialmente rumeni tutti ladri e disonesti. Attenti agli stranieri protetti da politici  di sinistra a cui interessano per una manciata di voti.  Sono diventata razzista.

2 commenti:

  1. mi dispiace, Ro', mi dispiace davvero per la delusione...tua e di tuo padre. maripac

    RispondiElimina
  2. che dire...si dice non fare di tutta un'erba un fascio ma mi sà che anche prendendo un filo d'erba alla volta con questi alla fine vanno a finire prima o poi tutti in un fascio...ciao rosse'!

    RispondiElimina