8 giugno 2009

Respirare

Io respiro, tu respiri, egli respira, noi respiriamo, voi respirate, essi respirano. No…non è la declinazione del verbo respirare bensi’ il diritto alla vita datoci da Dio. Tutti respiriamo perchè siamo vivi e non rendiamo conto a nessuno di quanti litri al minuto di aria (ossigeno ed altri gas)
respiriamo nell’arco delle 24 ore. Respirare è un diritto ed una necessità. Respirano perfino le piante. Ogni cosa viva respira. Se non si respira si muore e la carenza d’ossigeno puo’ causare danni incalcolabile al cervello ed al cuore.
Tutti quindi hanno il diritto di respirare. Mio Padre no.
A mio padre, in terapia d’ossigeno permanente a lungo termine per insufficienza respiratoria aggravata da embolia, viene razionato e messo in discussione il consumo di ossigeno.
Con calcoli fatti a tavolino si stabilisce quanto ossigeno deve consumare al giorno e quindi al mese.
E come lui sono nella stessa situazione tutti quelli che a Palermo hanno problemi respiratori, perchè l’Azienda Sanitaria Locale n° 6 di Palermo, ha deciso di tagliare i costi.
Della serie, dopo che tutti hanno truffato e si sono fatti i “cosidetti bagni” adesso l’azienda Sanitaria Locale vuole tagliare i costi e razionare l’ossigeno a chi ne ha bisogno.
L’ossigeno…capite? l’ossigeno…la base della vita.
Volete sapere quanto ossigeno puo’ consumare mio padre in un mese? Circa 210.000 litri.
Pari ad 8 contenitori da 26.500.
Gli sono stati assegnati questi. Dopodichè…aspetterà a respirare finchè potrà accedere alla nuova fornitura.

Dio mio…

Nessun commento:

Posta un commento