28 giugno 2009

Maria

La pentola sobolliva sul fornello ed il profumo di basilico e pomodoro si spandeva per tutta la casa mischiandosi al profumo del mare che entrava prepotente dalla finestra aperta. Le scuole erano finite e mentre i bambini piu’ grandi dopo il bagno, profumati di borotalco e svestiti semplicemente in mutandine e canottiera
attendevano ai loro giochi, il piccolo Vincenzo attendeva il suo turno di essere cambiato e i suoi versetti incomprensibili raggiungevano Maria che controllava la pentola.
Una bella famiglia quella di Maria. Quattro figli arrivati in rapida successione e con pochi anni di distanza l’uno dall’altro, un marito bello e intelligente sposato dopo 10 anni di fidanzamento ed una cognata convivente nubile. Non ci si annoiava nella famiglia di Maria e lei qualunque cosa pensasse e qualunque pensiero albergasse nella sua mente, era sempre allegra con la risata pronta.
Cantava Maria, sempre allegra e la sua voce risuonava per casa. La sua presenza riempiva la casa e la vita di suo marito di cui era gelosissima. Non era stata una vita facile la sua. Ultima di tre figlie femmine, la sua vita era stata paragonabile a quella di Cenerentola e delle sorellastre. Aveva subito la fame, il freddo, angherie e sorprusi di ogni genere ma il suo carattere non si era rovinato e la sua solarità era rimasta intatta. Di questa solarità si era innamorato suo marito. Quasi un colpo di fulmine. E un po’ per orgoglio di maschio e un po’ per gelosia, complice un richiamo al servizio di leva, per proteggerla l’aveva tolta alla famiglia di origine che la vessava e portata a casa da sua madre e da sua sorella.
E li Maria aveva cominciato una nuova vita. Maria si era sposata. Aveva avuto quattro figli. Gioie e dolori.
Oggi Maria non c’è. Non c’è piu’. E’ andata via 15 anni fà. Letteralmente Strappata ai figli ed al marito. La casa non risuona piu’ delle sue risate e del suo canto e al suo posto ci sono delle foto per non dimenticare un volto amato.
Una pentola sobollisce sul fuoco ed il profumo di basilico e pomodoro fresco si spande per tutta la casa mischiandosi al profumo del mare che entra prepotente dalla finestra aperta…
E’ di nuovo estate…

Nessun commento:

Posta un commento