16 giugno 2009

L'uomo giusto

Non è l’uomo giusto quello che ti fa piangere, che ti critica, che non ti chiama, che centellina la sua presenza e le sue attenzioni.
Che cerca di cambiarti, che non ti accetta, che pretende che tu sia nata nel momento in cui l’hai conosciuto.
L’uomo giusto è colui che ti sta accanto, che appoggia le tue scelte anche se non le condivide, che ti sprona e ti stimola facendoti sentire importante, non demolendoti e sopratutto rispettandoti come persona.
In fondo tu esistevi anche senza di lui. Hai vissuto senza di lui.
L’uomo giusto è colui che desidera la tua presenza e te lo dice, che ti coinvolge in tutto cio’ che fa senza paura di limitare la sua e la tua libertà. L’uomo giusto è colui che conosce i tuoi pensieri senza che tu glieli abbia rivelati. E’ non ha paura di esprimere i suoi sentimenti. L’uomo giusto è colui che respira il tuo respiro……….e ti fa respirare il suo.
Diffidiamo degli uomini che parlano di libertà difendendo la loro a tutti i costi, perchè mentre stanno difendendo la loro stanno limitando la nostra. Amare non è perdita di libertà……ma acquisizione di una diversa libertà. L’uomo che si sente soffocato non vuole amare e non vuole legami perchè non è in grado di gestirli. E non capisce le parole, non le sa usare. Conosce un solo linguaggio che crede di sapere usare eccellentemente ma che molto spesso lascia a desiderare. Quello del sesso.
Ma non basta essere di genere maschile per essere buoni amanti. Ci vuole di piu’, molto ma molto di piu’.

Nessun commento:

Posta un commento